‘Black and White’ / Nuovo singolo di Richie Stephens & the Ska Nation Band ft Paola Pierri per dire no al razzismo (Prod. Handel Tucker)


 

 


E’ difficile mettere nero su bianco le emozioni vissute in un’isola speciale come la Jamaica. Specialmente quando a visitare per la prima volta il posto in cui è nata la musica del proprio cuore si è in compagnia di una voce della scena internazionale come Richie Stephens e di un ensamble di nove amici ed in primis rinomati musicisti italiani che, da formazioni come Bag a Riddim Band, Vudz ed Adriatic Sound hanno formato la Ska Nation Band. Nonche’ la poliedrica cantante salentina Paola Pierri. Il veterano cantante made in Kingston è rimasto infatti positivamente incantato dal talento degli artisti provenienti dal Salento nel suonare lo ska, genere musicale originario dell’isola, primo ad avere una certa rilevanza internazionale. Si è consolidato così il gemellaggio tra Jamaica e Salento, un altro Sud del Mondo in cui la musica rappresenta unione e fratellanza, che si è tradotto nell’uscita del primo album di Richie Stephens & the Ska Nation Band intitolato “Internationally”. Sono stati questi i presupposti che hanno spinto l’altrettanto storico producer ed arrangiatore giamaicano Handel Tucker a proporre un remake in chiave ska/dancehall dell’importante brano “Black and White” reinterpretato appunto da Richie Stephens & the Ska Nation Band ft. Paola Pierri, solista e backing voice nei Festivals del gruppo medesimo. La canzone, dal testo molto profondo, risale al 1972, ovvero a quel periodo storico in cui c’erano ancora forti tensioni in America tra la popolazione bianca e quella nera.
Scritti da David Arkin (con la musica di Earl Robinson), i testi di ‘Black and White’ sono stati ispirati alla decisione della Corte Suprema degli Stati Uniti nel celebre caso Brown contro “Board of Education” (1954), che bandiva la segregazione razziale delle scuole pubbliche. La registrazione di questa nuova versione è stata un’esperienza potente e positiva per tutti i partecipanti e la speranza è che queste vibes ispirino l’ascoltatore a lavorare anche verso un futuro basato sull’antirazzismo. Il concetto fondamentale è che l’umanità è una e come tale tutte le razze devono rispettarsi ed amarsi a prescindere dal colore della propria pelle. Handel Tucker dichiara soddisfatto : “Lavorando su questa traccia ha evocato sentimenti nostalgici come un giovane adolescente e mi sono sentito fin da subito connesso con gli artisti e lo staff. Perciò mi sono reso conto che nella vita è importante esserci per fare qualcosa, per dare il proprio apporto anche attraverso le note”.

Abbiamo visto Mr. Tucker muoversi per ore ed ore dietro le telecamere a coordinare ogni dettaglio delle riprese del videoclip girato a Kingston lo scorso luglio.
“The world is black, the world is white…” recita parte del ritornello del brano. Le parole non potevano essere più appropriate per descrivere l’atmosfera dello shooting ufficiale a cui ho assistito personalmente. Accanto a Richie Stephens e Paola per l’occasione erano presenti tutti i membri di Ska Nation giunti in Jamaica per esibirsi qualche giorno dopo sul main stage del prestigioso Festival internazionale “Reggae SumFest” che si tiene ogni estate a Montego Bay. A dare il proprio contributo al brano anche Rankin Lele e Papa Leu (entrambi produttori del progetto Ska Nation) che hanno aggiunto un’ondata di allegria con la propria strofa dancehall. Ma c’è stato di più. Hanno preso parte al video crew di ballerini di tutte le nazionalità compresi famosi dancehall queens and dancehall kings. Ad esempio possiamo menzionare il Rifical Team, una crew molto popolare i cui membri “primeggiano” in tutte le dancehall della Capitale dell’isola grazie alle loro splendide coreografie perfettamente sincronizzate. Inoltre erano presenti crew giapponesi, americane ed europee. Non sono mancati nemmeno i bambini che, con la spontaneità che li caratterizza, hanno accerchiato facendo il girotondo i due cantanti solisti dando vita ad una scena davvero significativa.
Il giorno del videoclip la leading voice Richie Stephens ha confidato i propri sentimenti prima dell’uscita del prossimo singolo “Black and white”, title track del secondo album con Ska Nation Band. “Lavorare con Ska Nation Band dal 2015 per me rappresenta proprio il concetto principale contenuto nella canzone : il bianco ed il nero che cooperano insieme per far ricevere un forte messaggio al Mondo attraverso la propria arte. Era così triste che in Jamaica non esistessero nuove Ska bands, ma l’ensamble italiano ha ridato in me una speranza di rivalorizzazione di quella che è stata la prima musica internazionale dell’Isola”, conclude l’artista conosciuto non solo per la musica reggae, ma anche per la sperimentazione innovativa con ritmi diversi. Il brano è stato registrato presso il celebre Tuff Gong Studio di Kingston. Questa versione di “Black and White” ospita a suonare sul riddim musicisti del calibro di Robbie Lyn (organo), Franklyn “Bubbler” Waul (pianoforte acustico), Kirk Bennett (batteria), Winston “Bopee” Bowen (Chitarra), Lamont “Monty” Savory (Chitarra Piombo),Aeion Hoilett (Basso) e Dean Fraser (sassofono), supportati dalla sezione fiati italiana di Ska Nation. Quando Richie Stephens & Ska Nation Band si sono esibiti sul palco del Sumfest lo scorso 22 luglio il risultato è stato eccezionale ed abbiamo visto ripagati i frutti di tanto lavoro tra bianchi e neri. Nella scaletta dello show infatti sono stati abbinati brani tipici ska a brani classici dell’opera italiana come la celebre canzone napoletana “O sole mio”. Un esperimento inedito nella scena jamaicana, ma anche mondiale. I feedbacks infatti sono stati ugualmente di grande successo in Europa ed in particolare dopo la performance di Richie Stephens & the Ska Nation Band sul palco del ReggaeJam, festival che si tiene annualmente in Germania. Richie Stephens & the Ska Nation insieme a Paola Pierri hanno trovato la propria missione comune nel dire no al razzismo e si all’unità tra le persone. Hanno voluto dare un messaggio positivo di armonia tra popoli e con i fatti hanno dimostrato come molte etnie del Mondo possano essere in grado di appassionarsi ad un progetto artistico e di lavorarci in sintonia per diventare un’unica grande famiglia.

Eugenia Conti 

(Visited 145 times, 1 visits today)