MIXTAPE RELEASE / Out “Alborosie – The Story” mixed by Jamstone Sound

15228099_10208755596259520_1113158342_n

Il mixtape, “Alborosie – The Story”, è la più recente compilation reggae perfettamente mixata da Diego DJ di Jamstone Sound per celebrare la carriera del “padrino” del suo sound system.

Raccoglie 68 tracks dall’esordio nel 2004 di Alberto D’Ascola aka Alborosie ad oggi. Una selezione cronologica di circa un’ora di singoli, brani da tutti gli albums e speciali collaborazioni di questo artista che, come Bob Marley, sempre in prima fila, infonde messaggi d’amore e di rispetto dei diritti dell’uomo.

Ascoltare questo mixtape inoltre mette in evidenza i differenti ruoli che Albo ricopre come compositore, produttore, cantante dal timbro unico e polistrumentista.

Durante l’ascolto è difficile frenare le forti emozioni che questa raccolta trasmette ed i passaggi da brivido tra un brano e l’altro si susseguono con ritmo incalzante per tutta la sua durata. Ne scaturisce un ascolto gradevolissimo e leggero… da sentirlo due volte di seguito come quando si rivede per l’ennesima volta il proprio film preferito.

Ascoltato nel momento storico in cui ci troviamo è chiaro che questo lavoro rappresenta una parte dell’evoluzione che questo artista ci sta tramandando. Si sente in esso il “treno dell’anima” che Alborosie finora ha messo insieme per unire gli opposti ed anche per questo è ancora seguitissimo sia dai giovanissimi che da tutti quelli che 20 anni fa ascoltavano i Reggae National Tickets.
La parte grafica invece è stata curata da me ovvero Roman King Vela, co-fondatore nel 2008 del sound system Jamstone ed amico di lunga data di Alborosie, attraverso diverse tecniche, dalla pittura alla computer graphic con il grande aiuto nello sviluppo dell’idea dello stesso Diego.

Non a caso il nome del sound Jamstone all’epoca venne suggerito proprio da Albo perché rappresenta uno dei tanti nomignoli con cui viene chiamata la Giamaica dagli abitanti dell’isola.
Per chi conosce “la storia” di Alborosie in questa immagine si vede un arco, che rappresenta la spiritualità Rasta come stile di vita; Alberto che come realmente accade nei suoi momenti di relax si concede di andare a pesca, dalle scogliere, li da dove può vedere il mare immenso che si unisce al cielo; l’Etna che erutta all’orizzonte a ricordare le sue origini sicule.
In questi tempi di azzeramento dell’ordine simbolico si rappresenta il respiro della memoria delle origini, il ricordo del Viaggio…
Infine possiamo osservare la nave pirata che attraversa la baia… Soul Pirate… Soul Train…

Non vi resta che ascoltare il prodotto finale al link sottostante in free download:

http://www.jamstonesound.com/web/js-artistes-mixtapes/663-alborosie

CREDITS:

Mixed by Diego DJ outta Jamstone Sound
Graphic concept by King Vela
© 2016 Jamstone Digital/King Vela Prod.

Tracklist:

  1. Intro/Burnin’ And Lootin’ feat. Kymani Marley
  2. Garrison feat. The Tamlins
  3. Herbalist
  4. Kingdom Of Zion
  5. Dutty Road
  6. Money She A Look
  7. Call Up Jah
  8. I Need A Woman
  9. Ghetto
  10. In A The Ghetto
  11. Gal Dem
  12. Tribal War feat. Luciano
  13. Guess Who’s Coming
  14. Kingston Town
  15. Sound Killa
  16. Police
  17. Precious feat. Ranking Joe
  18. I Can’t Stand It feat. Dennis Brown
  19. Promise
  20. Rastafari Anthem
  21. Slam Bam
  22. Waan The Ting feat. Mykal Rose
  23. One Day
  24. Meditation feat. Sizzla
  25. Nuh Betta Than Me
  26. Ting A Ling Refix feat. Shabba & Queen Latifah
  27. Blessing feat. Etana
  28. Dutty Road
  29. Informa feat. Lady Ann
  30. Love Is The Choice
  31. Still Blazing
  32. Marathon feat. Spiritual
  33. Natural Mystic feat. Kymani Marley
  34. I Rusalem
  35. One Sound feat. Gramps Morgan
  36. Mr. President
  37. Real Story
  38. Money
  39. Rototom Free
  40. No Cocaine
  41. Rub A Dub Style
  42. Natty Don’t Fear
  43. Stepping Out feat. David Hinds
  44. Murderer feat. Busy Signal
  45. Blue Movie Boo
  46. Raggamuffin
  47. Camilla
  48. Tears feat. Wendy Rene
  49. International Drama
  50. Rolling Like A Rock
  51. Jahnoy
  52. Worlds Inna Trouble
  53. Who Run The Dance
  54. Positiveness
  55. Play Fool (To Catch Wise)
  56. Zion Train feat. Kymani Marley
  57. Rock The Dancehall
  58. Woman I Need You
  59. Shut U Mouth
  60. Train To Zion feat. Linval Thompson, Bounty Killer & Sizzla
  61. Fly 420 feat. Sugus
  62. Poser
  63. Rocky Road
  64. Strolling feat. Protoje
  65. Everything feat. Roots Radics & Pupa Avril
  66. Zion Youth feat. Sugus
  67. Can’t Cool
  68. Judgement

Roman King Vela

EP REVIEW / “Anomale frequenze” dei No Finger Nails (2016)

15045658_1247023075368212_694573506_n

È da pochissimo uscito “Anomale frequenze”, ultimo ep della formazione made in Salento No Finger Nails composta da Andrea Presicce (producer/dub master) Gianni De Donno (Fisarmonica from La Rocha) e Sandro Sax Nocco (sax from Bundamove). L’ep contiene 2 tracks in free download : Original+Dub.
Production&Mixing :No finger nails
Master: B4S Befor Studio – Luca De Biase
Vocal:Danilo Leanza aka SAM D #CasaPazRecords

FREE DOWNLOAD
www.soundcloud.com/nofingernails
www.nfnofficial.bandcamp.com

I già noti dub master salentini continuano la loro fruttuosa ricerca musicale tra “frequenze” dub e sonorità più “anomale”.
Dopo averci già accompagnato per un’ intera estate in viaggi sonori tra note gitane e salentine con la fisarmonica di Gianni De Donno (La Rocha) e le loro ricercate frequenze dub, questa volta si interfacciano con Sam D,un giovane rapper Salentino di Soleto, per il loro primo featuring.
Sam D muove i suoi primi passi nella scena musicale reggae e hip-hop a cavallo tra i millenni fino ad arrivare oggi ad esibirsi nei locali più caldi del Salento.

Della sua collaborazione con NFN dice:“Per me è stata un’esperienza meravigliosa!Lavorare accanto ad un genio musicale come Andrea Presicce non è una cosa da tutti i giorni. Posso dire che è un onore e lui è un grande dub master”.
Andrea Presicce dal canto suo ha dichiarato : “La musica non ha confini, non ha classificazioni. Lei c’è sempre e in forme diverse. Frequenze che vengono plagiate, adattate solo in parte al gusto personale, non serve per guadagno o popolarità! Abbiamo dato sfogo alla libera espressione in ANOMALE FREQUENZE“.

Se volete ascoltare i No Finger Nails in Puglia ecco il link per il prossimo evento live che si terrà alle manifatture Knos di Lecce.

https://www.facebook.com/events/1744094889247616/?ti=cl

Valentina Rubino

Damian Marley in Lecce reportage / Jr Gong smashs up the place during his exclusive date in South italy

_MG_2411

Non è stato un caso che l’unica data in Italia del Sud di Damian Marley si sia svolta la scorso due settembre proprio a Lecce. Si sa infatti che il capoluogo del Salento da sempre vanta una gran concentrazione di appassionati e cultori del reggae. Il merito della diffusione di questo genere va soprattutto ai Sud Sound System che 25 anni fa hanno portato per la prima volta sul proprio territorio le sonorità dell’isola caraibica. Sembrava quindi doveroso che fossero proprio Don Rico, Terron Fabio e Nandu Popu ad aprire il live di Jr Gong. La massive ha atteso fomentatissima che arrivasse il momento catartico. Dall’intera regione interi pullman hanno raggiunto la location di Masseria Ospitale per assistere allo show del più giovane della seconda generazione Marley. Quando Damian è salito sul palco al suono della sua storica hit dancehall / dubstep “Make it Bun dem” feat. Skrillex la folla è impazzita fin dal principio.

Come si suol dire una partenza col botto. Tutto lo spettacolo di oltre un’ora e un quarto è stato sentitissimo dal pubblico che ha fatto da perenne accompagnatore alla reggae star ed alla sua band. I musicisti non sono stati da meno creando un sound spettacolare con una batteria prepotente ed una tastiera sublime. Le due coriste hanno colpito in particolare gli spettatori perché oltre ad avere una voce da paura hanno ballato scatenate on the stage per tutto il tempo seguendo perfettamente il ritmo.

Molto simbolico anche lo sbandieratore che non ha mai smesso di sventolare un enorme drappo sul quale era rappresentato ovviamente un leone. Non solo adrenalina durante suoi pezzi esplosivi come “Set up shop” e “Welcome to jamrock”, ma anche brividi ed emozioni intense quando Jr Gong ha voluto omaggiare il padre Bob eseguendo alcuni suoi pezzi come “Could you be loved”, “Exodus” e “Get Up Stand Up”.

Una pioggia di stelle ha incorniciato la voce del singer jamaicano in una bellissima notte di settembre.

Terminato il suo live a continuare a far danzare i presenti ci ha pensato Gappy Ranks, singer inglese dallo stile molto dancehall che ha chiuso il bellissimo evento promosso dall’agenzia leccese “Molly’s Art” con una marea di fresh and positive vibes.

It was not a coincidence that the only date in South Italy of Damian Marley was the last 2 September just in Lecce. It is known that the capital of Salento always has a large concentration of enthusiasts reggae lovers. The merit of the diffusion of this kind was of Sud Sound System that 25 years ago led for the first time on their territory the sounds of the Caribbean island. It seemed so right that Don Rico, Terron Fabio and Nandu Popu to open the life of Jr Gong. The massive was very hot and waiting for the arrival of the cathartic moment. A lot of busses from the whole region have reached the location of Ospitale Masseria to watch the show of the youngest of Marley’s second generation. When Damian took the stage the sound of his historic hit dancehall / dubstep “Make it Bun dem” feat. Skrillex made the whole massive go crazy. The show started with a bang. The show was more than an hour and and the public was the constant companion to the reggae star and his band. The musicians were not outdone by creating a spectacular sound with a bully drummer and a sublime keyboarder. The two chorists were especially good viewers because apart of their beautiful voice they unleashed dance on the stage all the time by following the rhythm perfectly. Very symbolic even the flag-waver who has never stopped waving a huge cloth on which was obviously represented a lion. Not only adrenaline during its explosive tracks like “Set up shop” and “Welcome to Jamrock”, but also chills and intense emotions when Jr Gong wanted to give a tribute to his father Bob performing some of his songs such as “Could you be loved”, “Exodus” and “Get Up Stand Up”. A lot of stars framed by Damian’s voice in a beautiful September night. After his live the event continued with Gappy Ranks, english singer by dancehall style that ended the nice event promoted by the agency from Lecce “Molly’s Art”.

Articolo Eugenia Conti

Photo Gallery Francesco Sciolti 

4th RELEASE for YAH MAN RECORDS / Angela Garzia in “It’s time to live”

Angela Garzia - It's Time To Live Cover

E’ uscita in tutti gli stores digitali la quarta release di Yah Man Records, label salentina gestita dal sound engineer Morello Selecta. Dopo le uscite dei singoli di Blass, Sandra Cross e Carlton Livingston (il primo freschissimo volto del reggae e della dancehall dell’isola, la seconda famosa reggae singer britannica ed il terzo già un veterano della scena soprattutto per il suo noto brano “100 weight of collie weed”) questa volta a deliziarci sulla base “Express Love Riddim” ci sarà Angela Garzia. Il riddim dal suono made in Sud è suonato da Fossa Drummer alla batteria, Maestro Garofalo alle tastiere, Papa Leu alla chitarra e lo stesso Morello al basso. Il nome della cantante forse vi sembrerà nuovo, ma infatti stiamo parlando di una giovanissima promessa salentina di soli 21 anni. La Garzia, originaria di Squinzano, sebbene molto piccola d’età canta da quando aveva solo 13 anni. Ha fatto parte di diverse formazioni pop, rock, jazz, swing e disco comeNewCodec, Hot Staff, LineAcustica, Hollywood Party e tante altre. Ha avuto anche esperienze teatrali e di recitazione interpretando il ruolo di Beatrice nel Musical della Divina Commedia. La poliedrica Angela si affaccia per la prima volta allo scenario reggae internazionale dimostrando le sue grandi qualità canore anche in questo genere musicale grazie all’ interpretazione della sua version su “Express Love Riddim” intitolata “It’s time to live”.

Digital Stores 

I-TUNES http://apple.co/2aK8U16

SPOTIFY http://spoti.fi/2bfHvph

Eugenia Conti

NO POLITICIAN REVIEW / Dope One e Clementino sulla base contro il Sistema

dope cleme no politician

Nuovo video online su Youtube per i rapper campani, ormai veterani del genere, Dope One e Clementino. La traccia in questione è “No Politician”, secondo singolo estratto da Dopera ovvero l’album solista di Dope One.

Il brano vanta il featuring di Iena White, l’intro del rapper romano Noyz Narcos e la produzione di Valerio Nazo. Un bel team di lavoro per creare un ottimo prodotto musicale. La regia del videoclip non è da meno. A firmarlo il noto regista napoletano Gianluigi Sorrentino di Incolore Communication, il quale lo scorso inverno ha debuttato nelle sale cinematografiche con il film d’azione “All night long” che vedeva come protagonista lo stesso Clementino e come attori molti altri Mc’s della scena partenopea.

Ma veniamo a “No Politician”. Il titolo già la dice lunga sulle tematiche. Si evince senza lasciare spazio ad altre interpretazioni che ci troviamo dinanzi ad un brano anti-sistemico.

La prima strofa di Dope One è come si dice in gergo una “mazzata di rap”. Quasi in apnea il Nostro critica con il suo micidiale flow il sistema attuale toccando argomenti come l’Unione Europea ormai palesemente governata da una lobby di banchieri, il fascismo, le privatizzazioni eccessive e non si risparmia nel nominare qualche politico che ha contribuito a distruggere il Paese.

“So Meridionalista” afferma Dope One mostrando un orgoglio di appartenenza tipico delle sue canzoni. L’unica politica che il rapper riconosce non è quella dei senatori e dei parlamentari, ma quella dell’Hip Hop di strada.

Continua dicendo che “la musica è denuncia” perché il compito di un Mc dovrebbe essere infatti proprio mettere in luce le falle della società.

Il ritornello alternato in napoletano ed in inglese sta ad indicare quanto gli artisti siano versatili e capaci di cimentarsi anche in altre lingue.

Parte la strofa di Clementino, altrettanto incisiva sulla base. Contro Babylon, contro il male del nostro ordinamento si rivolge a tutte quelle persone che son costrette a portarsi “na croce rint ‘e vic”. Con giochi di parole e virtuosismi tecnici Iena dedica la sua lirica alla gente comune che ogni giorno deve combattere contro il marcio della classe politica che succhia ogni energia ai cittadini.

La speranza di un futuro migliore, il non accontentarsi e il non chinare la testa davanti a questo stato di cose sembra essere il vero messaggio del testo di No Politician.

Speculazione, prepotenze, tangenti, collusione tra Stato e criminalità organizzata, demonizzazione della canapa sono invece i temi della terza strofa di Dope. La soluzione che il rapper individua per sconfiggere la situazione odierna è la resistenza, da sempre sottolineata attraverso la sua musica.

I due rapper ce l’hanno anche contro i “giornalai” che, servi del regime, preparano attacchi mediatici studiati a tavolino e rigirano le notizie per manipolare i cervelli del popolo trattato come un gregge di pecore.

Nel videoclip molto street-style si susseguono le bellissime immagini selezionate dal team Incolore inerenti ai temi affrontati.

Lottare per i propri diritti e realizzare un cambiamento positivo dal basso per i due rapper è ormai una mission !

Produzione musicale : Nazo
Intro : Noyz Narcos
Regia : Gianluigi Sorrentino
Riprese e montaggio : Giovanni De Miccoli
Direttore di produzione : Giuseppe Rosario Esposito
Produzione video e attrezzature cinematografiche : AeGroup Cinema

 

Articolo di Eugenia Conti

 

 

 

 

Nuovo videoclip Internationally – Richie Stephens & the Ska Nation Band feat Sud Sound System : la musica come linguaggio universale

shoot kingston jamaica

Da oggi online su Youtube Internationally, singolo prodotto da Pot of Gold, Adriatic Sound & Steven Lenky Marsden e contenuto nell’omonimo album di Richie Stephens & The Ska Nation Band uscito lo scorso aprile in tutti i canali digitali.

shoot tokio 2

Dopo il videoclip del primo singolo estratto “Fire Fire”, oggi é finalmente fuori quello di “Internationally” feat. Sud Sound System. Le tre Esse salentine proprio nel 2016 hanno celebrato i venticinque anni di attività musicale. Per questo avvenimento Don Rico, Terron Fabio e Nandu Popu sono stati lieti di collaborare alla title-track di un tale progetto di calibro internazionale. Internationally è colore, vita, moves, danza, energy, positive vibes e scambi culturali.

13923297_276976366001152_3826390069793719180_o

Il video è firmato dalla regia del giovane movie-maker lucano Federico Giannace ed ha la particolarità di essere stato girato in diverse città del Mondo: Tokio in Giappone, Kingston in Jamaica e Lecce in Italia. Il regista che ha viaggiato nel Mondo insieme a Richie Stephens & The Ska Nation Band ha dato così vita alle parole del testo.

 

Lo scopo del video è far comprendere infatti quanto la musica, in particolare quella ska, sia diventata un linguaggio universale dal sapore “Internationally”.

shoot lecce 4

“Internationally” vanta poi la strumentale del celebre tastierista e compositore giamaicano Steven “Lenky” Marsden e a maggior ragione ha un sound tutto da ballare, travolgente ed in grado di essere amato in ogni nazione.

shootin lecce

Molte le crew di ballerini professionisti che hanno partecipato al progetto con le proprie coreografie: in primis Rifical Team dalla Jamaica, a seguire i dancehall dancers giapponesi Rey, Joy, Sway, Aami, Hiro_milky, Mami, Gunhype, Diki, Zingi, Sawasap ed infine le squadre salentine Dancehall School Lecce e Salento BrokOut.

Inoltre tantissimi bambini di varie nazionalità con tutta la loro vitalità e spontaneità, uniti contro il razzismo, le diversità, le limitazioni mentali, “Internationally” arriva in maniera diretta a colpire tutte le fasce d’età e popolazioni. A dimostrazione di quanto importante sia l’ unione generata da musica e danza, che da sempre sono state momento di incontro tra le comunità e rivivono in questo video una grande espressione globale. Non vi resta che guardare il risultato finale !

Eugenia Conti