A TUTTO HIP HOP A CASA DELLE ARTI / Proiezione del film Numero Zero + live di Kaos One

Kaos One Dj craim+ Numero Zero

Il 12 marzo alla Casa delle arti risuonerà il battito hip hop, con uno dei migliori e più conosciuti rapper italiani: KAOS ONE, affiancato sul palco da uno dei dj più acclamati in giro per la penisola: DJ CRAIM. Insieme presentano il nuovo album “Coup De Grace”.

 

Il concerto si inserisce tra gli eventi di CIAK SI SUONA. Infatti la serata prevede anche la proiezione di un film in anteprima:NUMERO ZERO (produzione Withstand, regia e sceneggiatura di Enrico Bisi), uno straordinario documentario sulle origini del rap italiano, con la voce narrante di Ensi e con la partecipazione di: Fabri Fibra, Next One, Ice One, Militant A, DeeMo, Kaos, Neffa, Esa, J-Ax, Fritz Da Cat, Fish… e tanti altri! A presentare il film, in anteprima per la provincia di Bari, ci sarà l’autoreENRICO BISI.

 

Inoltre l’intera giornata sarà una vera festa della migliore cultura hip hop locale!

Si comincerà dal mattino con la performance del writer della DPC Crew a cura di BackJump Street Shop e, in apertura del live di Kaos One & Dj Craim, mega session con con Tenko, Comagatte, Panico, Pacman, Hanzo backed by Keedo e Dirty Brown Records. Si chiude in bellezza con il dj set di Tuppi fino alle prime ore del mattino!

 

PROGRAMMA

Ore 10 – 17: writing con DPC CREW.

Ore 20: presentazione del film Numero Zero, con il regista ENRICO BISI.

Ore 21: proiezione film NUMERO ZERO – Alle origini del rap italiano.

Ore 22,45: showcase con Tenko, Comagatte, Panico, Pacman, Hanzo backed by Keedo + Dirty Brown Records

Ore 23,15: live KAOS ONE & DJ CRAIM in “Coup de Grace”

Ore 00,30: dj set con TUPPI

 

INGRESSO LIBERO per graffiti e presentazione film.

INGRESSO CON BIGLIETTO dalle 21 per proiezione film e spettacoli musicali.

BIGLIETTO IN PREVENDITA: € 10

BIGLIETTO IL GIORNO DELL’EVENTO: € 12.C

Interview with Asian Dub Foundation for Gege Vibes (eng version)

11953576_10153266663999915_2200819561761583459_o 11942100_10153266664044915_5568328604975417520_o

Last December we met in Conversano (Bari) the popular British group Asian Dub Foundation, in the beautiful building of Casa delle Arti, that was an abandoned place now recovered in order to promote cultural events. The band, known on the international music scene since 1993 and famous for their anti-racist message, especially in the 80s when in the UK there were strong anti-Asian tensions, gave us an unique live in this policultural center in Puglia. In fact, during the twentieth anniversary of the cult movie La Haine (Hate) by Mathieu Kassovitz, which got the 32th place in the standing compiled by Empire Magazine’s “Top 100 films in the history of Cinema”, the group has replayed live the sound –track of the movie, of which they were the authors, while the movie was projected behind them on a big screen. That was a great show. The crude and violent scenes running in sequence and having as protagonists the deprived children in the district of the French ghetto in perpetual war against the Police, depicted with great cruelty and authors of the assassination of one of these marginalized young people, have been mixed with the power of live music. Thanks to the talented musicians: the drummer Brian Brainfair, the guirarist Chandrasonic and the bassist Dr.Das. We interviewed the last two, respectively parts of the band since 1994 and 1993.

12308386_974748125929043_3851754209517542061_n

Why did you choose the name Asian Dub Foundation 22 years ago?

22 years ago the first dj of the crew chose the name. Asian because almost all members of the band were from Asia, Dub because that was one of our favourite musical genres and Foundation because we wanted to be not only a musical band, but a real corporate. Asian Dub Foundation was the possibility to mix more ideas and to create artistic and militants synergies. It was also an opportunity for the talented guys of the most disadvantaged districts to find a place in which they could express themselves through music.

What about the antiracist message of your band?

At the time it was different from now. We were much younger, much more angry against the system. We always chose to treat political and socially engaged issues. Like the song “Fortress Europe”: in the lyrics we attacked the European Union about the immigration policies. Anti-racism has always been a constant in our band. In fact in the UK we promoted many lives in favor of minorities. Today, in the big cities like London, a lot of ethnic groups coexists peacefully and there really is a melting pot of people, but there is the phenomenon of globalization. It has negative and harmful sides such as the speculation, the lust for power, the absolute monopoly of the life of citizens by the political and economic institutions like banks. But it has also positive sides, like the progress in all the arts and in the evolution of sound too.

What about the evolution of your sound, that is now a crossover: from reggae to dub, through the punk and hardcore rap?

We love different kinds of music and in the years we have experienced various sounds to create our unique style that is not categorized into a default music model. Each artistic and sound influence by the new musicians of the band helped and gave his contribution to the evolution of the sound. Our music is basically reggae and dub combined sometimes to punk, to the militant rap or traditional Indian rhythm.

The use of the indian rhithmics is a musical influence coming from your asian origins. And you proposed a lot of concerts to support the rights of the Asian minority. Do you think that music could be the right way for the Revolution?

Music can definitely be a great channel to support revolutionary instances. However, we believe that nowadays in the West is not possible to use the music for these purposes. Currently this noble art is increasingly becoming a business and the message of songs has no more a great importance for the singers. In other parts of the planet where there is the real poverty music still has this function of awareness and consciousness, but in the West music loses every day a little more of its essence.

What are your future projects ? Greetings to Gege Vibes…

The future is uncertain and we can not know. (We laugh)

Surely we’ll play the soundtrack for another film, we’ll continue the tour and after the release of our last project More Signal More Noise (2015) we’ll come together in the recording studio as soon as possible.

Big up Gege Vibes from South Italy and thank you to the audience for the special atmosphere in Conversano!

Eugenia Conti

 

 

 

 

 

INTERVISTA CON ASIAN DUB FOUNDATION (ita version)

12671614_526742460837954_3871454317566104227_o

Abbiamo incontrato la celebre formazione britannica Asian Dub Foundation lo scorso dicembre a Conversano (Bari) presso l’affascinante struttura di Casa delle Arti, spazio abbandonato che è stato recuperato per oggi promuovere interessanti eventi culturali. La band, sulla scena musicale internazionale dal 1993 e famosa per essere da sempre sensibile al messaggio antirazzista, specialmente quando negli anni ’80 nel Regno Unito c’erano delle forti tensioni anti-asiatiche, ha tenuto un bellissimo e particolare live nel centro poli-culturale pugliese. In occasione infatti del ventennale del cult cinematografico la Haine (L’Odio) di Mathieu Kassovitz, annoverato al trentaduesimo posto nella classifica stilata da Empire Magazine dei “Migliori 100 film nella storia del Cinema”, il gruppo ha riproposto dal vivo le musiche della sound-track di cui sono autori mentre la pellicola veniva proiettata su un maxi schermo alle proprie spalle. Lo spettacolo è stato unico. Le scene crude e violente che scorrevano in sequenza e che avevano come protagonisti i ragazzi disagiati dei quartieri ghetto francesi in perenne guerra contro le forze dell’Ordine, dipinte con grande crudeltà ed autori dell’assassinio di uno di questi giovani emarginati, sono state unite alla potenza della musica live grazie all’enorme talento di tre dei musicisti del gruppo ovvero il batterista Brian Brainfair, il chittarista Chandrasonic e il bassista Dr.Das. Abbiamo avuto il piacere di intervistare gli ultimi due, rispettivamente militanti nella formazione dal 1994 e dal 1993.

12308386_974748125929043_3851754209517542061_n

Come mai 22 anni fa decideste di chiamarvi Asian Dub Foundation ?

Il nome venne dato ben 22 anni fa dal primo dj della formazione. Asian perché i componenti del gruppo erano quasi tutti asiatici, dub perché era uno dei generi che più trattavamo e Foundation perché volevamo dare l’idea non di un semplice complesso musicale, ma di un vero e proprio collettivo in cui più teste fondevano le proprie idee e creavano sinergie artistiche e militanti. Era anche un’opportunità per i ragazzi dei quartieri più disagiati con del talento di poter trovare uno spazio in cui esprimersi attraverso la musica.

Cosa potete dirci circa il messaggio anti-razzista che ha da sempre caratterizzato la vostra band ?

Prima era diverso da ora. Eravamo molto più giovani, molto più incazzati contro il Sistema. Abbiamo sempre scelto di trattare argomenti impegnati politicamente e socialmente. Si pensi al singolo “Fortress Europe” in cui attaccavamo l’Unione Europea riguardo alle politiche sulle immigrazione. L’antirazzismo è sempre stata una costante della nostra band, che nel Regno Unito ha promosso tantissimi live in favore delle minoranze. Oggi nelle grandi metropoli come Londra in cui convivono tranquillamente più etnie e c’è davvero un meltin’ pot di popoli c’è però il fenomeno della globalizzazione. Quest’ultima ha aspetti negativi e deleteri come la speculazione, la brama di potere, il monopolio assoluto delle istituzioni politiche ed economiche tipo le banche sulla vita della gente comune. Ma ha anche aspetti positivi perché ha portato al progresso in tutte le arti, anche nell’evoluzione del suono.

Come è avvenuta l’evoluzione del vostro sound che è un cross-over di generi che spazia dal reggae al dub passando per il punk ed il rap hardcore?

Diciamo che amiamo più generi e con gli anni abbiamo sperimentato ed approfondito varie sonorità fino a creare quello stile unico non catalogabile in un modello musicale predefinito. Poi ogni influenza artistica e sonora unitamente ai nuovi musicisti che sono entrati a far parte della band hanno contribuito a dare il proprio apporto all’evoluzione del sound. La nostra musica è fondamentalmente reggae e dub abbinata alle volte al punk, al rap militante o alla tradizionale ritmica indiana.

La ritmica indiana è un’influenza musicale che deriva dalle vostre origini. E tante sono state le manifestazioni in favore dei diritti delle minoranze asiatiche che avete proposto. Pensate che la musica sia il giusto mezzo per la Rivoluzione?

La musica può sicuramente essere un ottimo canale per sostenere istanze rivoluzionarie. Tuttavia ritengo che ad oggi al West non sia utilizzata per questi fini. Attualmente questa nobile arte sta diventando sempre più un business e il messaggio passa in secondo piano. In altre parti del Pianeta dove c’è la vera povertà la musica ha ancora la sua funzione nella presa di coscienza e di consapevolezza ma qui in Occidente ogni giorno perde un po’ di più la sua essenza.

Quali sono i vostri progetti futuri. Un saluto per Gege Vibes

Il futuro è incerto e non è dato saperlo. (Ridiamo, ndr) Sicuramente musicheremo la colonna sonora di un altro film e come sempre nonostante il tour e l’uscita del nostro ultimo progetto More Signal More Noise (2015) non possiamo fare a meno di riunirci in sala di registrazione.

Big up Gege Vibes from South Italy and thank you all the audience for the special atmosphere of tonight in Conversano !

Eugenia Conti