NEW RELEASE/ Single and videoclip “Dancehall Rapper” by Reddman Uk (Yah man Records Prod.)

The new single and music video “Dancehall Rapper” by ReddMan UK, produced by Morello Selecta for Yah Man Records, gives us one of the deepest sounds of the new year and is accompanied by some of the best views in West London.

As we announced, the scratchy beat was created by the popular DJ and Producer from Salento Morello Selecta and arranged by the virtuous skills of Alessandro Garofalo, historical Italian keyboard player, honorary member of Sud Sound System and Ska Nation Band. The strong voice of the Artist, Reddman UK, spreads a meaningful message for the international Dancehall / Hip Hop musical scene.

“Dancehall Rapper”, song realized by the Salento label, has the aim to retrace the evolution of the musical reproduction, highlighting moments of history and music. Everything started with Audiocassettes, CDs and Mp3s, until the current Era of IG and Youtube. The Artist underlines how each of these instruments  has marked an important part of the global musical history.

The video is directed by Leonardo Urso, who made the viewers fall easily in love with the City for excellence, London City, capturing some magic shootings of a surreal red sky. This song jumps into the analog past to return quickly to the digital present. We could admire in this video the disruptive beauty of nature with the suggestive sunset above the city full of buildings and skyscrapers.

“Dancehall Rapper” is available from June 2nd on all digital platforms and YouTube.

Eugenia Conti

Interview with the recording artist Bamm Holt: “I’m ready to tour the World keeping the heritage of my grandfather John Holt alive”

Bamm Holt, recording Artist from Jamaica, based in the U.S., 27 years old, well known as John Holt’s grandson and Junior Holt’s son, is ready to tour the World keeping the message of his great predecessor alive but showing his own musical skills as well. We interviewed Bamm while he is in studio recording his new album that will be released early in 2020.

“Bamm Holt is ready. Mi neva waan people hear mi song dem an’ sey, ‘A John Holt grandson dat an’ him soun’ suh?!’ Right now, mi ready fi di world”, you declared in a previous interview. How much do you think is important to continue to preserve the heritage of your grandfather, the legend John Holt, to impact the World in a positive way?

It’s very important to keep the heritage of my grandfather alive. His influence on the reggae world is so emblematic. His songs gave you messages of love, encouragement and even a party vibe. It’s a honour to be his grandson. That’s why keep his name alive is my main goal right about now.

“Mi glad to finally get it out. Wi making different music, something dat people can look forward to listening”, you told the american medias.You sound like a very versatile artist. You can easily switch from reggae, raggamuffin to hip hop. Which is the musical genre that you feel you are most used to?

 I feel like I’m most used to Reggae, as it was the first type of music I heard the calling of reggae from the day I was born. Coming to America at a young age I grown to love hip hop. But reggae will always be my first love.

“One Thing” is your song produced by Gold and Goals Productions that got great feedbacks online. We could appreciate you in a brilliant reggae-fusion version. Your father, Junior Holt, is gonna be also a big inspiration for you. What is the main thing that you learn from him in this artistic journey?

Thank You. “One thing” is also one of my favourite songs.

Yes, my father is a main influence on my career. He taught me to never give up. In life, music, doesn’t matter.

You keep to represent for Spanish Town, your parrish in Jamaica, but from a while you are living in New York. As you said the approach with this city make you understand your attitude for hip-hop music too. Which are your biggest influences of the USA hip-hop scene? And with who would you like to have a feature in the next future?

When it comes to hip hop I don’t really have an influence. I just figured out that Jay Z and Kanye West sampled one of my grandfather’s song in one of their albums. I think it was Encore. It would be a pleasure to work with them.  

You are actually working in the American market already and you are ready to drop your new album early in 2020. What do you expect from the European market and what are your goals in this side of World?

I really don’t know what to expect from the European market but I hope my music will get a good reaction over there too. I know they are in love with reggae. I just want to provide them with that musical genre. My goal is to hopefully tour that side of the World soon, by the grace of God. In the meantime look out for the “1000 Volts of Holt”, a tribute/remake for John Holt with me and my Father Junior Holt.

What is the main message you want to convey to your peers who are trying to undertake your same career?
The main message I want to convey to my peers is that music lives in all of us: young , old, new and the faded ones. It’s just you to find your right tune.
Can you give a special greeting for Gege Vibes Magazine?
Big up Gege Vibes for this interview. Major plans for the future. Going to mash up the new year.
Eugenia Conti

CASALABATE MUSIC FESTIVAL / Il 4 agosto la sedicesima edizione sul palco al cospetto di Torre Specchiolla (Salento)

Casalabate Music Festival 2019 è la notte dei Massive B, festival salentino che giunge quest’anno alla 16esima edizione con gli ospiti speciali da New York City, il famoso dj e producer Bobby Konders e la sua crew, che si svolge nella località balneare di Casalabate.

Il Festival è esponenzialmente cresciuto negli anni, acquistando di edizione in edizione un pubblico di estimatori e appassionati sempre più folto anche perché, fin dalla sua nascita, ha avuto come “padrino” d’eccezione Sir David Rodigan, leggendario Disk Jockey e giornalista, ospite sempre attesissimo nelle edizioni precedenti, che ha portato alla ribalta la marina salentina con il suo slogan “Casalabataaaa accendino!!!”, diventato poi un vero e proprio must.

Per l’edizione 2019 sul palco al cospetto di Torre Specchiolla, nella suggestiva cornice sul lungomare di Casalabate, si alterneranno alcuni tra i migliori esponenti della scena Reggae nazionale tra cui Rankin Lele e Papa Leu di Adriatic Sound con Morello Selecta, Petra de Sule con Striunizzu dal Salento, Bad Side Massive, Zakalicious, Fireburn, MoreLove, StartaFyah e, per la prima volta sul palco di Casalabate, Brusco una delle figure più importanti della scena reggae italiana con le sue super hits, conosciute e amate da tutti.

Altro ospite d’onore, direttamente dalla città di Portmore, Jamaica, il recording artist Bay-C, noto membro della formazione jamaicana T.O.K. che, dopo aver creato hit di grande successo con il suo gruppo come “Gyals yuh ah lead” e “Eagles Cry”, è attualmente in tour in Europa per il suo progetto solista “Straight outta Portmore” supportato dal potente sound system Yard Beat.

A tenere le redini della serata ci saranno Bobby Konders e Lando Hype dei Massive B, celebre Sound System di New York fin dagli anni ‘80, popolari a livello globale per aver prodotto artisti del calibro di Elephant Man, Burro Banton, Vybz Kartel e molti altri del genere reggae, dancehall e hip hop.

l Festival è diventato anche un vero e proprio progetto di riqualificazione e valorizzazione urbana, integrando nel proprio programma musicale e di intrattenimento anche CAD Casalabate Art District (già avvenuto dal 24 al 28 luglio), manifestazione di street art, che ha visto artisti locali e internazionali riunirsi a Casalabate sotto la direzione artistica di 167/B Street per ridipingere diversi muri della marina. L’evento ha ospitato nella serata finale il live dell’artista jamaicana Tanya Stephens, da sempre impegnata nel sociale e nell’attivismo a favore della propria comunità.

Eugenia Conti

DJ’S & PRODUCERS COLUMN / Gege Vibes introduces the young producer Frank Filograna from Salento, Italy (Germaica Digital)

Frank Filograna is an italian reggae dj & producer based on Salento (South Italy). He is 31 years old, but already active from about sixteen years.

At the beginning he was a component of ​”​Selection Master​”​, a very musically prolific crew​ from his area. Secondly, he founded ​his label “Filomuzik​”​ and soon after it becames part of the independent “Unemployment Records”, with witch he realizes many international collaborations publishing roots and dub vinyls.

​Actually he is a member of ​”​Veebrazion​”​, an historic local sound system​ from Salento and​ also responsible for programming and promoting musical events in his peninsula.

His style is a roots/dub with a touch of hip-hop and soul, influenced by the Jamaican and Uk scene.

Among his productions we can often find also remixes. In this field, when Frank is attracted by some specific world success, he tries to reinterpret them in very personal reggae-hiphop key.

This is also the case of “Rockstar”, whose melody of the refrain and the Post Malone flow have captured Frank so much to take him, together with Adriano Sure, to give life to a captivating version of this worldwide hit. Then, Frank Filograna started the collaboration with Fabi Benz, a popular dj’s and producer from Germany. This link up allowed Frank to meet the boss of Germaica Digital (the prestigious german label well known for the production of Riddims as Doctor Darling Riddim) that decided to produce it.

SOUNDCLOUD LINK : https://m.soundcloud.com/germaica/frank-filograna-vs-post-malone-rockstar-ft-21-savage-reggae-remix 

 

ADDIO PRODIGY / A soli 42 anni muore l’anima dei Mobb Deep, stella dell’hip hop americano

 

Muore oggi a soli 42 anni la stella dell’hip hop Prodigy, storico membro del duo Mobb Deep.

Soltanto qualche giorno fa Prodigy, al secolo Albert Johnson, era stato in tour a Las Vegas esibendosi in “Art of Rap” insieme a mostri della scena internazionale come Ghostface Killah, Onyx, KRS-One e Ice-T.

Purtroppo l’anemia di cui Prodigy soffriva da anni gli è stata letale provocandogli un blocco sanguigno. Era una malattia con cui combatteva fin dalla nascita.

“È con estrema tristezza e incredulità che confermiamo la morte del nostro caro amico Albert, meglio conosciuto da milioni di fan come Prodigy del leggendario NY rap duo Mobb Deep”, ha dichiarato il suo pubblicitario ai più.

Anche Prodigy al pari di Tupac e Biggie costituisce un pezzo di storia del rap degli anni ’90 che se ne va.

La musica dei Mobb Deep è stata descritta dalla rivista settoriale Rolling Stone come una “distillazione cruda, viva e viziosa del gangsta rap della costa orientale”.

Il famosissimo album del 1995 “The Infamous” ha venduto oltre 500.000 copie nei primi due mesi successivi al rilascio. Dopodiché è stato pubblicato l’album “Hell on Earth” un anno e mezzo più tardi, che pure ha ricevuto un ampissimo riconoscimento critico.

Tante le collaborazioni che hanno dato a Prodigy e ai Mobb Deep visibilità come quella col rapper Nas.

Figlio d’arte e con influenze musicali tendenti al jazz, Prodigy ha lanciato una carriera solista nel 2000, rilasciando mixtapes in collaborazione con una gamma di produttori tra cui Un Pacino, Big Twins e The Alchemist. Ha pubblicato il suo ultimo album, “Hegelian Dialectic”, nel mese di gennaio.

Ci mancherà questo grande artista che per anni ha saputo regalare lezioni di stile a tutti segnando indelebilmente la storia dell’hip hop mondiale. Per fortuna le tue rime ti hanno reso immortale.

Eugenia Conti 

 

NO POLITICIAN REVIEW / Dope One e Clementino sulla base contro il Sistema

dope cleme no politician

Nuovo video online su Youtube per i rapper campani, ormai veterani del genere, Dope One e Clementino. La traccia in questione è “No Politician”, secondo singolo estratto da Dopera ovvero l’album solista di Dope One.

Il brano vanta il featuring di Iena White, l’intro del rapper romano Noyz Narcos e la produzione di Valerio Nazo. Un bel team di lavoro per creare un ottimo prodotto musicale. La regia del videoclip non è da meno. A firmarlo il noto regista napoletano Gianluigi Sorrentino di Incolore Communication, il quale lo scorso inverno ha debuttato nelle sale cinematografiche con il film d’azione “All night long” che vedeva come protagonista lo stesso Clementino e come attori molti altri Mc’s della scena partenopea.

Ma veniamo a “No Politician”. Il titolo già la dice lunga sulle tematiche. Si evince senza lasciare spazio ad altre interpretazioni che ci troviamo dinanzi ad un brano anti-sistemico.

La prima strofa di Dope One è come si dice in gergo una “mazzata di rap”. Quasi in apnea il Nostro critica con il suo micidiale flow il sistema attuale toccando argomenti come l’Unione Europea ormai palesemente governata da una lobby di banchieri, il fascismo, le privatizzazioni eccessive e non si risparmia nel nominare qualche politico che ha contribuito a distruggere il Paese.

“So Meridionalista” afferma Dope One mostrando un orgoglio di appartenenza tipico delle sue canzoni. L’unica politica che il rapper riconosce non è quella dei senatori e dei parlamentari, ma quella dell’Hip Hop di strada.

Continua dicendo che “la musica è denuncia” perché il compito di un Mc dovrebbe essere infatti proprio mettere in luce le falle della società.

Il ritornello alternato in napoletano ed in inglese sta ad indicare quanto gli artisti siano versatili e capaci di cimentarsi anche in altre lingue.

Parte la strofa di Clementino, altrettanto incisiva sulla base. Contro Babylon, contro il male del nostro ordinamento si rivolge a tutte quelle persone che son costrette a portarsi “na croce rint ‘e vic”. Con giochi di parole e virtuosismi tecnici Iena dedica la sua lirica alla gente comune che ogni giorno deve combattere contro il marcio della classe politica che succhia ogni energia ai cittadini.

La speranza di un futuro migliore, il non accontentarsi e il non chinare la testa davanti a questo stato di cose sembra essere il vero messaggio del testo di No Politician.

Speculazione, prepotenze, tangenti, collusione tra Stato e criminalità organizzata, demonizzazione della canapa sono invece i temi della terza strofa di Dope. La soluzione che il rapper individua per sconfiggere la situazione odierna è la resistenza, da sempre sottolineata attraverso la sua musica.

I due rapper ce l’hanno anche contro i “giornalai” che, servi del regime, preparano attacchi mediatici studiati a tavolino e rigirano le notizie per manipolare i cervelli del popolo trattato come un gregge di pecore.

Nel videoclip molto street-style si susseguono le bellissime immagini selezionate dal team Incolore inerenti ai temi affrontati.

Lottare per i propri diritti e realizzare un cambiamento positivo dal basso per i due rapper è ormai una mission !

Produzione musicale : Nazo
Intro : Noyz Narcos
Regia : Gianluigi Sorrentino
Riprese e montaggio : Giovanni De Miccoli
Direttore di produzione : Giuseppe Rosario Esposito
Produzione video e attrezzature cinematografiche : AeGroup Cinema

 

Articolo di Eugenia Conti