25° anniversario Sud Sound System celebrato con la mostra pop art “Visioni Pop”

12983445_10206596642410080_1257673109955547523_o

I Sud Sound System, band icona della musica reggae salentina nel Mondo, sta per compiere 25 anni di attività proprio questo mese. Un quarto di secolo in cui Nandu Popu, Don Rico e Terron Fabio sono stati sempre in prima linea per portare avanti importanti battaglie a suon di note. Dall’antiproibizionismo delle droghe leggere all’antirazzismo, sono diventati la voce per eccellenza di tutti i movimenti e gruppi di lotta sul territorio: No tap, No triv, No al carbone, Greenpeace, etc… A giugno si realizza anche un sogno del gruppo: partirà il loro tour in Jamaica, la terra madre del reggae, genere di cui sono diventati ambasciatori ovunque. Delle figure così fondamentali per il Salento non potevano che essere rivisitate in una mostra in chiave pop art. Gli autori delle opere sono il salentino Marcello Quarta e Fabio Gismondi che già avevano scelto lo scorso febbraio Nandu (Fernando Blasi) come protagonista dei loro precedenti lavori artistici dal titolo “Nandu Pop Re-Evolution”. Questa volta protagonista della mostra “Visioni pop” tutta la crew al completo ovvero Nandu, Don Rico, Terron Fabio ed anche membri più storici come Papa Gianni e GGD. In una precedente intervista sempre su questo portale Marcello Quarta ci spiegava che la pop art ha il merito di far diventare miti coloro che vengono rappresentati con quella tecnica e  chi meglio dei Sud Sound System potevano prestarsi a questa mitizzazione? Per vedere i Sud Sound System in questa inedita e coloratissima versione basterà recarsi il 25 aprile a Surbo presso il “Bella Vie Lounge Bar” di Via Cadorna a partire dalle 21:30. La giornalista Anna De Matteis aprirà la serata. “Non vediamo l’ora di vederci in questa chiave- ha affermato Popu- che siamo certi si addicerà benissimo ai Sud Sound System in quanto la pop art è molto popolare e le nostre istanze sono sempre venute dalla strade”. Non mancate. Ne vedremo di tutti i colori !

Eugenia Conti

ARTISTI PER IL SI / Al Parco Gondar di Gallipoli grande concerto contro le trivelle nei mari pugliesi

12961236_10154080580024660_7472814764795793978_o

Il referendum del 17 aprile relativo alle trivelle petrolifere in mare sta per arrivare. Il referendum nazionale è stato promosso da nove regioni italiane contro i progetti petroliferi del governo nelle acque territoriali ed è sostenuto da molte associazioni ambientaliste e dal movimento No Triv Nazionale. Le regioni promotrici sono Basilicata, Marche, Puglia, Sardegna, Veneto, Calabria, Liguria, Campania e Molise. Per poter vincere e far si che non venga estratto gas petrolifero sulle nostre coste deturpando così l’ambiente e soprattutto il mare bisogna che almeno il 50% più uno della popolazione italiana voti SI alle urne. I media nazionali più di rilievo stanno però tenendo la notizia nel silenzio più assoluto. Nessuna opera di sensibilizzazione o quanto meno di informazione. Qui in Puglia per fortuna ci sono i cantanti che passano importantissimi messaggi attraverso il canale più facile e diretto che possano avere a disposizione: la musica. Per sensibilizzare la vicenda No triv non a caso è stato organizzato il prossimo 14 aprile presso la famosa struttura Parco Gondar di Gallipoli un grande concerto intitolato Difendiamo il nostro mare – artisti per il si”. Direttore artistico della bellissima iniziativa Nandu Popu dei Sud Sound System, da sempre noto per il suo enorme impegno nel sociale. Partners ufficiali invece Legambiente onlus, WWF Italia e il comitato Notriv Puglia, in collaborazione con Parco Gondar e TTevents. L’evento assolutamente gratuito conterà la presenza di un gran numero di artisti salentini e non: dai Sud Sound System a Miss Mikela, dai Bundamove agli Aprés la Classe, da Jovine a Bunna di Africa United. Insomma partecipare a quest’evento sarà un’opportunità per tutti dato che seguirà anche un dibattito tra i presenti sulla questione. Non mancate all’appuntamento. Un unico coro di artisti militanti pugliesi si alzerà in cielo per poter urlare con forza No alle trivelle !

Eugenia Conti