BRAND NEW VIDEOCLIP / Living It Up – Damian Marley (03-30-2018)

“Living it up” is the brand new videoclip  from Damian Marley’s Grammy Winning album “Stony Hill”. In this song, Jr Gong explains to his son the story of their legendary family. Damian Marley shows his heritage all the places in Jamaica where he grew up and where even Bob Marley lived. The message of the melody is to never stop believing in your dreams to go out from the ghetto and to have a better lifestyle.

LYRICS

But have you made it out
Out of the ghetto?
Believe in your dreams
Believe you and me, don’t let go
We’re living it up
We’re having a good time baby
I was born uptown of the ghetto dream
Now ain’t life crazy?
Daddy made it out
Out of the ghetto
Believe in your dreams
Believe you and me, don’t let go
We’re living it up
Having a good time baby
I was born uptown of the ghetto dream
Now don’t be lazy
Trenchtown have a grandson
Growin’ up to be somebody
Gong to the zilly
Yo me flow phenomenally
I am the kind of thing that doesn’t happen normally
I’m a one in a zillion
Yo dawg, if you want some
Good life finally
Perhaps change your night time hobby
Come out of the old crime lobby
And benefit from your wisdom
Me ah gwan livin’ top life is better than great
Every other day we buy a dozen dub plate
Put in our hustle, we nuh sit down and wait
Nuff ah pull no muscle, no it’s never too late
Dey gwan celebrate in a rich people place
Ya likkle rastaman from Trenchtown find di gate
With food in our bled and drinks in our crate
We sing till da neighbour dem wake
But have you made it out
Out of the ghetto?
Believe in your dreams
Believe you and me, don’t let go
We’re living it up
We’re having a good time baby
I was born uptown of the ghetto dream
Now ain’t life crazy?
Daddy made it out
Out of the ghetto
Believe in your dreams
Believe you and me, don’t let go
We’re living it up
Having a good time baby
I was born uptown of the ghetto dream
Now don’t be lazy
Uptown Jamaica born an’ raised
On the playground is where I spent most of my days
Burning babilonio and dem dirty ways
While watchin’ all the rich kids goin’ astray
Uptown Jamaica born an’ raised
On the playground is where I spent most of my days
Big city life Kingston, an Mo Bay
And if you think me sell out
Tell dem ain’t no way
So, live it up
Trenchtown to Rema
Riverton, South side to jungle
Sherlock, Gyaden to Spanglas
The inland, Three Mile to Bactu
Portmore, sea view, Spanish Town
Nine Mile, downstown to Flankers
Falmouth, Westside, Orange Hill
But have you made it out
Out of the ghetto?
Believe in your dreams
Believe you and me, don’t let go
We’re living it up
We’re having a good time baby
I was born uptown of the ghetto dream
Now ain’t life crazy?
Daddy made it out
Out of the ghetto
Believe in your dreams
Believe you and me, don’t let go
We’re living it up
Having a good time baby
I was born uptown of the ghetto dream
Now don’t be lazy

Interview with Answele / Humble and Talented 20 Years Old Artist from Jamaica (Young Pow Prod.)

After the journey of Gege Vibes in Jamaica last summer, we were able to appreciate closely the vibrations of the Caribbean Island from a musical point of view. Bob Marley’s homeland is not only today represented by the Reggae. In fact there are many branches of the genre that have developed over the years and the new sounds that have been created. We could say that today the jamaican music influenced many other genres contaminating it. The Jamaican talents who try to follow their way through their artistic skills are multiplying more and more. Finally the mentality to prefer music and believe in his own dream to the ghetto’s life is being consolidated. Especially in the very young artists. Then I’ve interviewed a singer and musician originally from the area of ​​Trelawny (Jamaica): Answele, only 20 years old. He grew up becoming passionate about music after being in church almost every Saturday at a very tender age, as a lot of jamaican people. The faith is important there as much as music. It was precisely in his parrish that begins his career starting in to play the drums in that place.

“The problem was that my true love for music was for the reggae and not for the liturgical one, but it was not accepted in my church or at home where my father disapproved my behaviour for disobeying to his instructions to don’t perform in reggae and dancehall parties”, Answele said.

But the guy continues to trust himself creating a small label to appear on the scene with the first recordings. In 2016, he experiments different musical genres such as lovers-rock, Hip Hop, Hard-core Dancehall and meets the Jamaican producer Sean Diedrick, owner of the brand Young Pow Productions and historical keyboarder of Damian Marley, as well as Winning Grammy co-producer of Stony Hill Album. Young Pow invests a lot of energy producing the new Answele’s Ep and recording the songs in the famous Big Yard Studio and Tuff Gong Studio, the Bob Marley’s one, both in Kingston Capital (Jamaica). The new Answele’s work is coming out. Let’s hear what his feelings are before the international launch of it.

Your passion for the music started in the church’s environment when you were only a child. Say us something about the beginning of your musical journey

 It was a bit complicated. Parents were strict so i was basically disobeying rules. I was engaged in a lot of singing activitIes at church and I was very good at singing harmonies too, but I would listen mostly to reggae songs on the radios and all I knew is that I enjoyed the sounds and I was having fun singing them among my peers.

 When you grew up from a child to a boy you understood that your real inspiration was the reggae. What represent this musical genre in your life?

I think the way to express myself through my lyrics, the consciousness and a little of my style of music. I enjoyed listening to Reggae artists nation wide and I could feel their music from within and how inspiring it was to me. I was thinking : “I want people to feel it when they listen to any of my songs”.

 How much your community influenced your music and your style?

 My community does play a part, but telling the truth I sing about topics that happen globally across the World every day. Everywhere there are people who are either not with you or genuine people who wants to see you in the way that you aspire to become. As well as there are people who needs motivation through listening music.

What about the creation of TeamTripleWorks music and the collaboration with the great producers Young Pow and Sherieta?

 TeamTripleWorks music was officially created by me and two other associates Bvrban and Ricky Cee in 2015. We all had different talents, I am the harmony vocalist & Graphic Designer, Ricky Cee is the engineer and Bvrban is the beat maker. Then a year ago i was introduced to Young Pow and I met Sherieta few months later, they both loved the sound of my voice and decided to play a major role in my production.

“F U Poverty” is a released dancehall single with a strong lyric. What is for you the way to forget the poverty and to be successful?

 Staying Focus and continue working hard.

Your new single “Stayed” is out in the digital shops. What about the meaning of this song?

 I think I stepped a little out of the box to compose “Stayed”. This song is about a thing that happens every day : men cheating and regretting it afterwards. The speciality about this tune is that I got the instrumental from Young Pow during a time I was thinking about a complicated relationship and it influenced the entire song. This song is on the tracklist of Destiny Riddim, a compilation of different jamaican artists including Popcaan, iOctane, Black Am I and more.

What are your future projects ?

Well I have a new EP (Short Album) that is releasing soon from Young Pow Productions which will include 6 tracks. “Stayed” is also apart of it. The remaining five songs are fire so I am urging the mass to look out for this EP, trust me, the tunes them nuh normal !

Eugenia Conti

 

 

TRA SOGNO E REALTA’ / Intervista con BOB MARLEY in occasione dei suoi 73 anni

Oggi avrebbe compiuto 73 anni. (Nine Mile, 6 febbraio 1945 – Miami, 11 maggio 1981).

Robert Nesta Marley, per tutto il Mondo noto come Bob, non è solo il pioniere del reggae che resterà 36enne per sempre o il jamaicano rasta più famoso del Globo che aveva per padre un soldato inglese che abbandonò lui e sua mamma sull’Isola. Il rivoluzionario Bob e’ molto di più. E’ la fonte inesauribile di ispirazione per generazioni e generazioni di tutto il Mondo. Se ci avviciniamo ad un nostro genitore canticchiando “One Love, one Earth” loro risponderanno in maniera automatica “Let’s get together and feel all right”, così come se lo facessimo con i nostri figli.

Un’icona planetaria capace di essere compreso da tutti grazie al linguaggio universale che utilizzava : quello dell’amore. Insegnava al prossimo ad amare, indistintamente. A prescindere dal colore della pelle o dallo status sociale. Un’utopista, un lottatore, una guida spirituale. Amante dei diritti umani avrebbe dato la sua vita in difesa degli stessi. Per lui la musica non costituiva un business o un mero intrattenimento, ma una risposta al Sistema consumistico. Il denaro era un mezzo che rendeva schiavi gli esseri umani. Mentre diffondere il messaggio di Jah Rastafari, diffondere amore, pace, unità era la sua missione esistenziale. Ci invitava ad unirci nel nome del bene, dell’antirazzismo, a guardare oltre ogni singolo pregiudizio. Questa notte finalmente l’ho conosciuto nei miei sogni ed ho visto avversarsi il mio più grande desiderio : intervistare proprio lui, Bob Marley in persona. Finanche l’istituzione giornalistica inglese del reggae David Rodigan scrive nella sua biografia ‘My life in reggae’ che fu uno choc, ovviamente positivo, conoscere improvvisamente il suo idolo Bob Marley a Londra ed ancora di più ritrovarsi ad intervistarlo e a lanciare casualmente una sua nuova canzone in esclusiva mondiale su Radio Capital. Un impatto ingestibile per la propria emotività, ma che riuscì a superare grazie all’intraprendenza. ‘Ram Jam’ Rodigan racconta che in quell’occasione era nervoso ed impacciato, proprio come un fan dinnanzi al suo beniamino, mentre Bob dal canto suo gli rispondeva in patois giamaicano con la tranquillità e la pace interiore che lo contraddistinguevano. Nel mio sogno lo stato d’animo era lo stesso del Sir “Gentleman RudeBoy”.

Dopo un concerto di Damian Marley, il più giovane dei suoi eredi, scendevo nel camerino convinta di intervistare Jr Gong, ma con immenso stupore trovavo di fronte a me proprio il grande precursore. Illuminato dalla luce foca di una lampada e seduto su una grande poltrona mi diceva “What’s up Lady?” facendomi segno con la mano di avvicinarmi. Io ancora incredula e con le gambe che tremavano all’impazzata mi avvicinavo alla ‘divinità’ con il registratore e la cartellina, sentendomi inadeguata e ridicola con quelli oggetti tra le mani. Mi accomodavo su una poltroncina al suo fianco e ci scambiavamo un sorriso per rompere il ghiaccio. Non avevo nemmeno le domande pronte, ne’ uno schema dell’intervista ed ero fortemente imbarazzata. Dove erano gli altri musicisti, il manager, i promoters ed il video maker per riprendere ? Tutti spariti. Ero in un’altra dimensione ? Non lo sapevo più a questo punto ma il microfono Zoom era l’unico supporto che avevo a disposizione in quel momento per registrare questa testimonianza irripetibile. Premetti il tasto play, con i brividi che mi percorrevano il corpo. Poi con un filo di voce balbettante, improvvisai la prima domanda.

Hmmm… Parli sempre di amore nelle tue canzoni. Come dobbiamo imparare ad approcciarci a questa forza superiore senza lasciarci sopraffare a volte dai sentimenti negativi?

“Si sbaglia sempre. Si sbaglia per rabbia, per amore, per gelosia. Si sbaglia per imparare. Imparare a non ripetere certi errori. Si sbaglia per poter chiedere scusa, per poter ammettere di aver sbagliato. Si sbaglia per crescere e maturare. Si sbaglia perché non si e’ perfetti”.

Ed e’ sbagliato credere nei nostri sogni con tutte le nostre forze, anche quando sembrano più grandi di noi o irrealizzabili ?

“Chi ha paura di sognare e’ destinato a morire”

Tu sei un grande sognatore e perciò rimani immortale nella memoria di tutti noi e delle generazioni a seguire. Il Mondo di oggi si e’ trasformato in un impero del male. Da utopista quale sei quando pensi che finirà la guerra?

“Fino a quando il colore della pelle sarà più importante del colore degli occhi ci sarà sempre guerra”.

Le discriminazioni razziali continuano tutt’oggi. Come si può combattere questo fenomeno che affligge l’umanità ?

“Ricorda. Meglio morire combattendo per la libertà che morire da schiavi. Emancipate voi stessi dalla schiavitù mentale”.

Come ?

“Alla fine è semplice : il bene, il male, la lotta di chi soffre, la paura di chi e’ solo come un cane per strada. La vita e’ un gioco d’azzardo. Se perdi aspetta con calma la tua occasione, ma non smarrire la bussola. E soprattutto non farti corrompere.”

Cosa pensi della politica ? Tutti corrotti ?

La politica non mi interessa, e’ affare del demonio. I politici giocano con la testa delle persone.

La musica invece e’ tutto il contrario…

La musica e’ bella perché anche quando ti colpisce non senti dolore. La mia musica vivrà in eterno. Forse e’ stupido dirlo ma quando sono sicuro del fatto mio, lo dico. Vivrá per sempre.

Se non fossi stato un cantante in che ruolo ti saresti visto…

In quello di un calciatore o di un rivoluzionario.

Ma tu sei già un rivoluzionario, un’icona, una legenda. Non ti rendi conto che rivoluzione hai creato con la musica reggae? Influenzi la vita di milioni di persone ogni singolo giorno.

La musica reggae e’ una forma di lotta e lo diventerà sempre di più. Ti chiedo solo di non cercare di capirla in qualche giorno, in qualche mese, in qualche anno. Lascia che cresca dentro di te lentamente come un bambino. O come una pianta nella profondità della terra.

Perché una pianta come la marijuana terapeutica e’ considerata come qualcosa di illegale oggi e gli psicofarmaci delle case farmaceutiche che spingono le persone al suicidio no?

L’erba e’ illegale? Ma se e’ un dono della natura… Quindi volete dirmi che anche Dio e’ illegale? Non tacciatemi come anti-sistemico. Non sono io ad essere contro il Sistema, ma e’ il Sistema che e’ contro di me.

Eugenia Conti 

Documentary Out Now / Damian ‘Jr Gong’ Marley Stony Hill to Addis”

Out now the amazing documentary “Damian ‘Jr Gong’ Marley – Stony Hill to Addis” about the last African tour of the reggae star (2017).

The reportage is presented by Tidal for Mochilla Production. As his father, Jr Gong continues his spiritual travel in the Land of lions and hope. He is the best ambassador, through his music, to underline the special link between Jamaica and Mama Africa, the Mother of the Earth. Emotional vibes !

VIDEO – Options – Pitbull ft. Stephen Marley (2017) / Lyric + Traduzione

Options è il brano del rapper cubano Pitbull ft. Stephen Marley, noto figlio del re del reggae jamaicano Bob. Il videoclip è uscito lo scorso marzo ed è stato realizzato interamente in Jamaica, tra Trench Town e Kingston per essere precisi. L’isola è stata la perfetta cornice per questa canzone dedicata alle donne dalla lirica molto sentimentale e al contempo piccante. “Feel at home already”, esclama Pitbull scherzosamente nelle riprese ufficiali alla vista di una tipica bellezza caraibica. Sentirsi in paradiso in tutti i sensi infatti non è affatto difficile in un posto dal simile fascino.

TESTO & TRADUZIONE

Stephen Marley, let ’em know what time it is

Stephen Marley fa loro sapere che ora è

We came here to party, we came here to dance

Siamo venuti qui per fare festa, siamo venuti qui per ballare

You know that you’re my girl, damn right I’m your man

Lo sai che sei la mia ragazza ed io ora il tuo uomo

This night going too good, don’t fall for the games

Questa notte sta andando tutto bene, non rientra nei giochi

Or the he said, she said dumb shit

O lui dice, lei dice m***a

I got a whole lot of names and a whole lot of numbers

Ho avuto un sacco di nomi e un sacco di numeri

But I’d throw them away ’cause I think I might love you

Ma li buttarei via perché credo potrei amarti

Could be the Mary Jane or the spell that I’m under

Potrebbe essere l’effetto della Mary Jane o l’incantesimo sotto il quale mi ritrovo 

But I know what this could be tearing up my history for you

Ma so cosa questo potrebbe essere strappando via la mia storia per te

I got, I got, I got, I got options

Ho ottenuto, ho ottenuto, ho ottenuto opzioni

You the, you the, you the, you the top one

Tu, tu , tu, tu sei la numero uno 

So baby, baby, if it ain’t a problem
Can I get some of your love?

Quindi bimba, bimba se non è un problema potrei prendere un po’ del tuo amore?

I got, I got, I got, I got options

Ho ottenuto, ho ottenuto, ho ottenuto opzioni

You the, you the, you the, you the top one

Tu, tu , tu, tu sei la numero uno

 So baby, baby, if it ain’t a problem
Can I get some of your love?

Quindi bimba, bimba se non è un problema potrei prendere un po’ del tuo amore?

Been around the game, been around the fame

Ho girato nel gioco, ho girato della notorietà

Been around the money, been around some names

Ho fatto girare soldi, ho girato con alcuni nomi

But the chico’s still the same, some things never change
Here’s a tip, show me your friends

Ma il “chico” resto sempre lo stesso,alcune cose non cambiano mai. Ecco un suggerimento, mostrami i tuoi amici

I’ll show you your future, keep the change

Ti faccio vedere il tuo futuro, mantenere il cambiamento

I’ve seen ’em come and go, I’ve seen ’em sell they souls

Li ho visti andare e venire, li ho visti vendersi loro anime

You my number one draft pick, baby, let’s pick and roll

Sei sempre la mia scelta numero uno, andiamo e rolliamo 

I always keep you up, up on a pedestal

Ti tengo sempre sopra, sopra a un piedistallo 

Misery loves company, baby, don’t sweat these hoes

La miseria ama la compagnia, baby, non sudare queste zappe

I got a whole lot of names and a whole lot of numbers

Ho avuto un sacco di nomi e un sacco di numeri

But I’d throw them away ’cause I think I might love you

Ma li buttarei via perché credo potrei amarti

Could be the Mary Jane or the spell that I’m under

Potrebbe essere l’effetto della Mary Jane o l’incantesimo sotto il quale mi ritrovo 

But I know what this could be tearing up my history for you

Ma so cosa questo potrebbe essere strappando via la mia storia per te

I got, I got, I got, I got options

Ho ottenuto, ho ottenuto, ho ottenuto opzioni

You the, you the, you the, you the top one

Tu, tu , tu, tu sei la numero uno

So baby, baby, if it ain’t a problem
Can I get some of your love?

Quindi bimba, bimba se non è un problema potrei prendere un po’ del tuo amore?

I got, I got, I got, I got options

Ho ottenuto, ho ottenuto, ho ottenuto opzioni

You the, you the, you the, you the top one

Tu, tu , tu, tu sei la numero uno

So baby, baby, if it ain’t a problem
Can I get some of your love?

Quindi bimba, bimba se non è un problema potrei prendere un po’ del tuo amore?

They looking for the perfect man

Cercano l’uomo perfetto

They looking for the perfect life

Cercano la vita perfetta

They take some perfect pics

Fanno delle foto perfette

They want some perfect dick

Vogliono dei c***i perfetti

But ain’t nothing perfect, girl

Ma non c’è nulla di perfetto, ragazza

No such thing as a perfect world

Non esiste qualcosa come un mondo perfetto

These broads try hard to be

Queste volgari provano difficilmente ad essere

Who they not and not who they are

Chi non sono e no chi esse siano

Baby, you sweating what? Baby, you sweating who?

Baby, tu stai sudando per cosa ? Baby, stai sudando per chi ?

You talking ’bout such and such who tries to be you?

Stai parlando di questo e di quello ma chi cerchi di essere te?

Man, you JFK, mami, you out your mind

Uomo, tu JFK, mami, fuori la tua mente

Misery loves company, I’ll tell you one more time

La miseria ama la compagnia, te lo dirò un’altra volta

I got a whole lot of names and a whole lot of numbers

Ho avuto un sacco di nomi e un sacco di numeri

But I’d throw them away ’cause I think I might love you

Ma li buttarei via perché credo potrei amarti

Could be the Mary Jane or the spell that I’m under

Potrebbe essere l’effetto della Mary Jane o l’incantesimo sotto il quale mi ritrovo 

But I know what this could be tearing up my history for you

Ma so cosa questo potrebbe essere strappando via la mia storia per te

I got, I got, I got, I got options

Ho ottenuto, ho ottenuto, ho ottenuto opzioni

You the, you the, you the, you the top one

Tu, tu , tu, tu sei la numero uno

So baby, baby, if it ain’t a problem
Can I get some of your love?

Quindi bimba, bimba se non è un problema potrei prendere un po’ del tuo amore?

I got, I got, I got, I got options

Ho ottenuto, ho ottenuto, ho ottenuto opzioni

You the, you the, you the, you the top one

Tu, tu , tu, tu sei la numero uno

So baby, baby, if it ain’t a problem
Can I get some of your love?

Quindi bimba, bimba se non è un problema potrei prendere un po’ del tuo amore?

Baby, you know, you know we got a strong thing

Baby, lo sai, lo sai che abbiamo ottenuto qualcosa di forte

So stop thinking ’bout the wrong things

Perciò smetti di pensare alle cose sbagliate

You know, you know we got a strong thing

Lo sai, lo sai che abbiamo ottenuto qualcosa di forte

So stop thinking ’bout the wrong things

Perciò smettila di pensare alle cose sbagliate

I got, I got, I got, I got options

Ho ottenuto, ho ottenuto, ho ottenuto opzioni

You the, you the, you the, you the top one

Tu, tu , tu, tu sei la numero uno

So baby, baby, if it ain’t a problem
Can I get some of your love?

Quindi bimba, bimba se non è un problema potrei prendere un po’ del tuo amore?

I got, I got, I got, I got options

Ho ottenuto, ho ottenuto, ho ottenuto opzioni

You the, you the, you the, you the top one

Tu, tu , tu, tu sei la numero uno

So baby, baby, if it ain’t a problem
Can I get some of your love?

Quindi bimba, bimba se non è un problema potrei prendere un po’ del tuo amore?

 

Articolo e traduzione : Eugenia Conti 

 

 

“My life in reggae” / Grande successo per il lancio del libro di David Rodigan a Londra

Grande successo ieri per la prima del lancio del libro “Rodigan – My life in reggae” di David Rodigan al Mick’s Garage in East London. Una serata seguitissima, con i tickets ovviamente sold out, ma che si è contraddistinta per l’atmosfera molto intima e familiare nella location sita in Hackney Wick. Le vibes sono state incredibili sia durante il dibattito in cui David Rodigan è stato intervistato da Gilles Peterson ed ha raccontato gli aneddoti più incisivi relativi alla sua vita, che durante l’after party in cui c’è stato un esclusivo dubplates dj set dello stesso Rodigan e del famoso Jazzie B (Soul II Soul). Ram Jam Selecta da famosissimo dj e giornalista/presentatore della Bbc Radio si è svelato alla platea in un’inedita veste di autore alternando alle sue narrazioni l’ascolto di alcuni dei dubplates in suo onore più significativi ed esclusivi.

“Rodigan – My life in reggae” è appunto la biografia di quel Dj made in Uk che più ha contribuito a far conoscere la cultura reggae in tutta Europa e non solo. Ci rendiamo conto già dalle prime pagine di come Sir Rodigan abbia speso oltre quaranta anni della sua vita a credere e a promuovere la sua passione più grande : quella per la sua musica.

David, un ragazzo british come molti altri, studente al College nella facoltà di Drama e quindi aspirante attore, figlio maggiore di un sergente dell’esercito, proveniente dalle campagne inglesi è oggi l’uomo che ha sostenuto i suoni della Giamaica in tutto il Mondo. Nel corso di cinque decenni all’interno delle sue selezioni si sono susseguiti tantissimi generi : dallo ska al rocksteady, dal reggae al rootz, fino alla dancehall. Ci parla del suo incontro con Bob Marley, suo idolo assoluto fin da quando era un ragazzino, ci racconta degli esordi in cui questa musica inizia ad avere un riconoscimento anche tra i media nazionali inglesi. Ai tempi della sua gioventù questi generi erano considerati da skin heads in Uk e quasi di serie b, per cui non apprezzati a livello generale come invece può accadere oggi. Inoltre ci confida di quanto gli tremassero le gambe il giorno che doveva suonare per la prima volta dinnanzi a una massive di black people che si domandavano straniti chi fosse quell’uomo bianco sul palco. Nel corso degli anni però si è guadagnato la stima di generazioni e generazioni di seguaci del reggae in tutto il Pianeta.

Oggi, all’età di 65 anni, Rodigan è seguito in tutto il Regno Unito e si è esibito in tutti i più importanti festival musicali d’Europa, così come è capace di infuocare le massive di tutto il Mondo con le proprie selezioni. Rivivendo le sue esperienze ci fa percorrere un viaggio oltre che in Jamaica, in Canada, in Giappone, in America e non manca la menzione l’Italia o meglio per quella del Sud. Rodigan cita infatti il Salento di cui è rimasto impressionato per quanto il reggae e la dancehall siano seguiti e supportati in quel territorio, ma anche perché si utilizzano le stesse sonorità jamaicane cantate in tipico slang del posto come ad esempio succede nei testi dei Sud Sound System.

Rodigan, come accennavamo, attualmente è un presentatore su BBC Radio 1Xtra e si occupa della Summer Series su BBC Radio 2. Il suo amore per la Jamaica è dimostrato non solo dal promuovere a livello di stampa la musica tipica dell’Isola, ma anche dai frequenti viaggi che il nostro si continua a concedere tra Kingston e Montego Bay. Senza dimenticarci poi di tutti i sound clashes a cui ha partecipato e magari ha anche vinto contro altri importantissimi sound system dello stesso calibro.

David Rodigan è l’antitesi dello stereotipo di un Dj di musica dancehall internazionale. ‘Sembro un commercialista o un dentista’, ha affermato egli stesso. Un uomo dai modi impeccabili, ma capace di entusiasmare platee di tutte le età e nazioni.

“Rodigan – My life in reggae” rappresenta proprio la storia di questo paradosso. Ci descrive come un ragazzo di Oxfordshire, non proveniente dalla Terra da cui queste sonorità prendono origine sia diventato comunque un ambasciatore internazionale di una forma di musica che rimane orgogliosa come non mai delle proprie radici africane. Questo suono nasce per rappresentare il ghetto povero, ma oggi è in grado di raggiungere tutte le fasce sociali e anagrafiche.

Dopo più di quaranta anni Sir Rodigan ha sentito quindi l’esigenza di condividere con tutti la propria storia dal principio fino al culmine della carriera.

Eugenia Conti