Brand New Video / “Where is the love” – Reddman Uk (Luca Tarantino remix for Yah Man Records)

A new Remix is out today for Yah Man Records, independent label from Salento (South Italy) created by Morello Selecta.

The singer of this release is ReddMan UK, british dancehall artist with Jamaican origins in collaboration with the young italian dj Luca Tarantino.

The song is ‘Where is the love’, already produced by Yah Man Records last November and today proposed again in this innovative remix. Check the videoclip already available on Youtube :

• AVAILABLE IN ALL DIGITAL STORE •

ITunes : https://goo.gl/1gfK5P

Believe player : https://player.believe.fr/v2/3614978336824

Spotify : https://goo.gl/Wp7zPR

Official Website : http://www.yahmanrecords.com/ 

“My life in reggae” / Grande successo per il lancio del libro di David Rodigan a Londra

Grande successo ieri per la prima del lancio del libro “Rodigan – My life in reggae” di David Rodigan al Mick’s Garage in East London. Una serata seguitissima, con i tickets ovviamente sold out, ma che si è contraddistinta per l’atmosfera molto intima e familiare nella location sita in Hackney Wick. Le vibes sono state incredibili sia durante il dibattito in cui David Rodigan è stato intervistato da Gilles Peterson ed ha raccontato gli aneddoti più incisivi relativi alla sua vita, che durante l’after party in cui c’è stato un esclusivo dubplates dj set dello stesso Rodigan e del famoso Jazzie B (Soul II Soul). Ram Jam Selecta da famosissimo dj e giornalista/presentatore della Bbc Radio si è svelato alla platea in un’inedita veste di autore alternando alle sue narrazioni l’ascolto di alcuni dei dubplates in suo onore più significativi ed esclusivi.

“Rodigan – My life in reggae” è appunto la biografia di quel Dj made in Uk che più ha contribuito a far conoscere la cultura reggae in tutta Europa e non solo. Ci rendiamo conto già dalle prime pagine di come Sir Rodigan abbia speso oltre quaranta anni della sua vita a credere e a promuovere la sua passione più grande : quella per la sua musica.

David, un ragazzo british come molti altri, studente al College nella facoltà di Drama e quindi aspirante attore, figlio maggiore di un sergente dell’esercito, proveniente dalle campagne inglesi è oggi l’uomo che ha sostenuto i suoni della Giamaica in tutto il Mondo. Nel corso di cinque decenni all’interno delle sue selezioni si sono susseguiti tantissimi generi : dallo ska al rocksteady, dal reggae al rootz, fino alla dancehall. Ci parla del suo incontro con Bob Marley, suo idolo assoluto fin da quando era un ragazzino, ci racconta degli esordi in cui questa musica inizia ad avere un riconoscimento anche tra i media nazionali inglesi. Ai tempi della sua gioventù questi generi erano considerati da skin heads in Uk e quasi di serie b, per cui non apprezzati a livello generale come invece può accadere oggi. Inoltre ci confida di quanto gli tremassero le gambe il giorno che doveva suonare per la prima volta dinnanzi a una massive di black people che si domandavano straniti chi fosse quell’uomo bianco sul palco. Nel corso degli anni però si è guadagnato la stima di generazioni e generazioni di seguaci del reggae in tutto il Pianeta.

Oggi, all’età di 65 anni, Rodigan è seguito in tutto il Regno Unito e si è esibito in tutti i più importanti festival musicali d’Europa, così come è capace di infuocare le massive di tutto il Mondo con le proprie selezioni. Rivivendo le sue esperienze ci fa percorrere un viaggio oltre che in Jamaica, in Canada, in Giappone, in America e non manca la menzione l’Italia o meglio per quella del Sud. Rodigan cita infatti il Salento di cui è rimasto impressionato per quanto il reggae e la dancehall siano seguiti e supportati in quel territorio, ma anche perché si utilizzano le stesse sonorità jamaicane cantate in tipico slang del posto come ad esempio succede nei testi dei Sud Sound System.

Rodigan, come accennavamo, attualmente è un presentatore su BBC Radio 1Xtra e si occupa della Summer Series su BBC Radio 2. Il suo amore per la Jamaica è dimostrato non solo dal promuovere a livello di stampa la musica tipica dell’Isola, ma anche dai frequenti viaggi che il nostro si continua a concedere tra Kingston e Montego Bay. Senza dimenticarci poi di tutti i sound clashes a cui ha partecipato e magari ha anche vinto contro altri importantissimi sound system dello stesso calibro.

David Rodigan è l’antitesi dello stereotipo di un Dj di musica dancehall internazionale. ‘Sembro un commercialista o un dentista’, ha affermato egli stesso. Un uomo dai modi impeccabili, ma capace di entusiasmare platee di tutte le età e nazioni.

“Rodigan – My life in reggae” rappresenta proprio la storia di questo paradosso. Ci descrive come un ragazzo di Oxfordshire, non proveniente dalla Terra da cui queste sonorità prendono origine sia diventato comunque un ambasciatore internazionale di una forma di musica che rimane orgogliosa come non mai delle proprie radici africane. Questo suono nasce per rappresentare il ghetto povero, ma oggi è in grado di raggiungere tutte le fasce sociali e anagrafiche.

Dopo più di quaranta anni Sir Rodigan ha sentito quindi l’esigenza di condividere con tutti la propria storia dal principio fino al culmine della carriera.

Eugenia Conti

CHANGE IS COMING : La reggae-star hawaiana Irie Love sul Magic Roots RIddim di Adriatic Sound

IRIE-LOVE-Change-is-Coming-220x140

Il team salentino Adriatic Sound torna alle produzioni musicali con Papa Leu al timone come produttore esecutivo nuovamente sul Magic Roots Riddim, melodia nata come base del singolo “Duma la radiu” estratto da Move Up , ovvero l’album ufficiale di Rankin Lele e dello stesso Papa Leu del 2012. Nel videoclip di “Duma la radio” i due artisti ci conducevano in un party reggae one-drop immerso nelle bellezze naturali della propria Terra. La base di “Duma la radio” suonata da Fossa Drummer alla batteria, dal Maestro Garofalo alle tastiere, da Ficupala al basso e da Papa Leu alle chitarre è stata riproposta su altre tunes che hanno dato vita al Magic Roots Riddim tre anni dopo: infatti le tracce mixate e masterizzate nell’Adriatic Sound Studio di Trepuzzi sono uscite su tutti i canali e gli stores digitali a giugno 2015. Sulle stesse note e sul medesimo ritmo si sono alternate oltre alle voci di Rankin Lele e Papa Leu, quelle bellissime dei cantanti jamaicani G-Mac, Hi Kee e Chico, rispettivamente in “Equal respect” dedicato all’anti-razzismo, “Real Congo Bongo” e “Party till a Mawning”. Più la rivisitazione del noto sassofonista salentino Luca Manno in “Magic Sax”. Il connubio è stato unico come potrete ascoltare qui integralmente:

http://l.facebook.com/l.php?u=http%3A%2F%2Fplayer.believe.fr%2Fv2%2F8056737607137&h=YAQG0kv-X

Per il 2016 non poteva mancare nel Magic Roots Riddim un grande nome femminile: la reggae star hawaiana Irie Love con la sua versione “Change is coming” che segue nel link sottostante:

http://l.facebook.com/l.php?u=http%3A%2F%2Fplayer.believe.fr%2Fv2%2F8055323981132&h=YAQG0kv-X

 

Quest’ultima, famosa per aver girato il Mondo in tour con artisti del calibro di Pink, Morgan Heritage, ,Chaka Khan, Fiji, J Boog, Katchafire, Tarrus Riley e molti altri, si è trasferita in Jamaica nel 2006 per iniziare la sua carriera da solista. Nel 2012 ha raggiunto il vero successo con l’album “This is Irie Love”, in particolare con i brani “It is wut it is” ft Fiji, “My love” e “Let it Fly” ft. Peetah Morgan che si sono aggiudicati il primo posto nella Hawaiian Reggae Chart. L’intero progetto inoltre è entrato a far parte della Top 50 della Classifica Itunes Usa. Oggi Irie conosciutissima a livello internazionale vive tra Kingston, Londra, San Francisco e le Hawaii, da sempre sua vera casa e fonte d’ispirazione.

La sua versione sul Magic Roots riddim si intitola “Change is coming”. La Love con la sua voce celestiale dalle sfumature new-roots invita tutti a credere in un mondo diverso e migliore liberando le nostre capacità di intuizione e forza di volontà. Guardando in fondo al nostro cuore e facendoci guidare dalle stelle possiamo trovare la giusta direzione per rinnovare il mondo. L’artista dell’Oceano Pacifico ritiene con certezza che le nuove generazioni possano risvegliarsi e combattere le  ingiustizie attraverso una rivoluzione delle coscienze.

“I believe, I believe, I believe”, ripete nel ritornello di questo brano dal messaggio assolutamente positivo. Perché anche la più buia delle notti non può mai sovrastare la luce che rappresenta il bene.

Seguite le diverse digital releases degli Adriatic Sound sul loro canale digitale :

http://l.facebook.com/l.php?u=http%3A%2F%2Fadriatic-sound.believeband.com%2F&h=YAQG0kv-X

Oppure sul sito web : http://l.facebook.com/l.php?u=http%3A%2F%2Fwww.adriaticsound.eu%2F&h=YAQG0kv-X

 

Eugenia Conti

EUROPEAN TOUR / I Sud Sound System portano in tutto il Continente la musica del Salento

ss europe tour

Comincia a maggio un super tour europeo per i Sud Sound System. Dopo un inverno trascorso per lo più nella propria Terra a lottare e a combattere a fianco di agricoltori, cittadini ed esperti per contrastare la questione o per meglio dire la truffa Xylella, adesso è arrivato il momento per i pionieri del raggamuffin salentino di diffondere la loro musica e i loro messaggi oltre i confini nazionali.

“Fuecu intra l’Europa” assicurano. La grande avventura comincerà il 1 maggio a Lugano in Svizzera per poi presentare il loro ultimo lavoro “Sta tornu” in altre tra le più importanti capitali europee. Purtroppo non li avremo con noi per la terza edizione del 1 maggio a Taranto, ma di sicuro ne saranno felici tutti gli emigrati e i supporter in ogni angolo d’Europa. Girare il continente porterà ancora più esperienza e ispirazione negli artisti, così come il loro pensiero potrà avere maggiormente l’opportunità di diventare un manifesto o un esempio per diverse Nazioni.

Non dimentichiamo che il libro dello stesso Nandu Popu nasce a seguito di una chiacchierata post-concerto in Svizzera con un fan salentino emigrato e stabilitosi da quelle parti. Insomma, “Simu salentini de lu munnu cittadini” significa che la musica di Don Rico, Terron Fabio e Nandu Popu per quanto identitaria può unire tutte le culture e favorire l’integrazione tra popoli. Più di venti anni fa esordivano in casa con i primi 12 pollici e la loro popolarità cresceva attraverso passaparola a livello locale, oggi possono asserire di essere ambasciatori del reggae in Europa.

Tour dates:

May 01 FESTA PRIMO MAGGIO
May 02 Club K Dusseldorf, Germany
May 03 Cassiopeia Club Berlin, Germany
May 05 Dingwalls London, UK
May 07 Cabaret Sauvage Paris, France
May 08 Opium Room Dublin, Ireland
May 09 VK Club Brussels, Belgium
May 10 Sugar Factory Amsterdam, Netherlands
May 12 Razzmatazz Barcelona, Spain

 

Eugenia Conti